bigg8.jpg (22059 byte)

primo piano

 

banoglobal.gif (2844 byte)

morto.jpg (11326 byte)

 

Carlo Giuliani (vita e morte di un contestatore) In rete una canzone per Carlo

La denuncia dell'Anpi contro le violenze

 

materiali

 

scontri.jpg (11364 byte)

 

   

       Genova 2002, un anno dopo la morte di Carlo Giuliani
                          Appello per una rivista storica "antagonista"
                          Il video di Davide Ferrario sul G8 (da scaricare)
                          Bibliografia sui No Global e sui fatti di Genova
                          Dossier su i No Global e il movimento dei girotondi

                          fotog8.jpg (21383 byte)

Un morto, 560 feriti,  301 arrestati o fermati, circa 50 miliardi di danni: ecco le cifre del "G8" parallelo che Ŕ andato in scena sulle strade di Genova da venerdý 20 a domenica 22 luglio (vedi cronologia). Tre giorni di discussioni  per i grandi della terra, tre giorni segnati in maniera tragica dalla violenza degli estremisti, dalla reazione rabbiosa e in troppi casi "sopra le righe" da parte della polizia e dei carabinieri e soprattutto dall'uccisione di uno dei contestatori, un ragazzo di 23 anni, Carlo Giuliani. Erano 24 anni che in Italia non c'erano vittime di scontri di piazza: dall'uccisione di Giorgiana Masi,  il 12 maggio 1977 a Roma. Dopo la morte di Giuliani, le decisioni degli otto grandi vengono travolte dagli scontri di piazza e dalle durissime polemiche che seguono, con gli scambi di accuse tra il Genoa Social Forum e il Governo, e la perquisizione notturna e gli arresti presso la sede del Gsf. Nei giorni seguenti a fare il giro del mondo non sono solo le immagini delle violenze inaccettabili degli estremisti dei Black Bloc (le cosiddette tute nere), ma anche le immagini, i video e le testimonianze sulle violenze fisiche e verbali compiute da parte di alcuni elementi delle forze dell'ordine contro manifestanti pacifici, in particolare nella caserma di Bolzaneto. Il Viminale e la Procura di Genova aprono varie inchieste, il Parlamento nomina una commissione d'indagine e da varie parti (il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, Amnesty International, la stampa mondiale, la federazione dei giornalisti, le opposizioni) si chiede di "fare piena luce" sulle vicende di Genova. E intanto il movimento dei No Global s'interroga sul futuro e dopo gli attentati in Usa, condanna duramente i terroristi e si schiera per la pace.

 

torna al portale
Storia XXI secolo

- ultimo aggiornamento: 04 gennaio 2005 -

                 

   
sondaggio

Di chi Ŕ la colpa dei fatti di Genova?
Vota qui!

schede

 

vertice.jpg (12013 byte)

dossier

rassegna stampa

 

rassegnavita.gif (1318 byte)

 

pallanimred.gif (323 byte) Speciale a cura del  Centro Studi Resistenza Italiana - NovitÓ sito - Redazione - Scambi link  - Scrivici - Opinioni navigatori pallanimred.gif (323 byte)

2_234x60.gif (11896 byte)    amnesty.gif (1112 byte)